Crea sito

BOTANICA





LINGUAGGIO DE
I FIORI



 

Dahlia: la gratitudine


Pianta apprezzata per il fiore i cui petali sono disposti in modo molto originale, a nido d'ape. Il poeta Goethe era un grande ammiratore di questo fiore, del quale ha, in più occasioni, elogiato la bellezza.

I valori comunemente associati alla dalia sono la gratitudine e la precarietà.
 



 

Acacia: speranza d'amore

 
La specie a fiori bianchi simbolo di "amore platonico", "speranza d'amore", quella,  a fiori gialli e la mimosa che significa "pudore".

L'usanza di regalare mimose per la festa della donna è diffusa solo in Italia e risale al 1946, anno in cui venne scelta a simbolo semplicemente perchè fioriva in occasione di questa festa e poteva essere raccolta in ramoscelli da poter appuntare addosso
 



 

Azalea: la gioia

 
Il colore rosa dei loro petali figura della giovinezza ed esprime un amore appena nato. Infatti in Cina ?a pianta della femminilità per eccellenza



Primula: la speranza e la giovinezza

 

Considerata per eccellenza la pianta della primavera e del rinnovamento, la Primula ci dice che finalmente il freddo invernale sta finendo. per questo viene anche chiamata "primavera".

Pianta officinale dalle molteplici virtù simbolo di giovinezza e di speranza , a volte viene usata per indicare il "primo amore"
 





Rosa: amore e poesia



Fiore da sempre considerata simbolo di eleganza, di bellezza e di fragilità, coltivata dalla notte dei tempi (si dice sia stato Sargon I a promuoverne la coltivazione nel 2300 a.C.), il fiore piantato dai poeti e nominato dagli antichi scrittori.

La rosa è sempre stata un elemento indispensabile di cerimonie religiose o laiche come i festini ed è passata indenne dai pagani ai cristiani, sempre con lo stesso significato di perfezione.

La rosa per gli occidentali quello che il loto è per gli orientali: insieme di spiritualità e di terreno. Designa la perfezione assoluta, un compimento senza difetti.
Nell'alchimia la rosa bianca e la rosa rossa sono il simbolo del sistema dualistico, dei due principi originari e una rosa con sette ordini di petali veniva posta in relazione ai sette metalli, ai sette pianeti conosciuti nell'antichità. Nell'iconografia cristiana la rosa rappresenta sia la coppa che raccoglie il sangue di Cristo sia la trasfigurazione di queste gocce di sangue.
La rosa a cinque petali rappresenta le cinque piaghe di Cristo.
Il rosone gotico e la rosa dei venti segnano il passaggio dal simbolismo della rosa a quello della ruota.
Il roseto è il luogo della contemplazione anche nel misticismo musulmano, l'immagine dell'uomo rigenerato. Ed è anche l'immagine del rosario: una serie di piccole rose che formano un roseto, appunto.

In base ai colori abbiamo:

Rosa canina piacere e dolore. Il piacere è quello che si prova nel guardarla e nel sentirne il profumo, il dolore è quando si tenta di coglierla. Altro significato: modestia, indica chi è nato per vivere tranquillo ed è felice solo se vive nascosto.

Rosa bianca legata alla Madonna, detta anche Rosa mistica, alla verginità indica amore eterno e puro, libero dalla passione terrena. Ma è anche simbolo di morte. Nel medioevo solo le vergini potevano indossare ghirlande di rose e la Madonna è spesso raffigurata nel roseto, simbolo di meditazione e di rigenerazione.

Rosa rossa passione, pegno di un amore fedele, simbolo dell'amore che sopravvive alla morte, della rinascita per laici e religiosi. E'  infatti, anche il simbolo del sangue versato dal Crocefisso per la redenzione dell'umanità.

 Rosa rosa simbolo di serenità.

Rosa gialla mette in guardia dagli sguardi invidiosi, indica gelosia, altezzosità.

 


 

Gardenia: la solidarietà

Profumatissima e simbolo di grazia .
Infatti le gardenie nel linguaggio dei fiori esprimono sentimento di solidarietà,amicizia, sincerità,fedeltà,simpatia, ottimismo e il loro colore candido riporta ai sentimenti pi?ri e all'attesa di nuove e belle notizie.

 

continua....

torna a home page


QUESTO SITO NON RAPPRESENTA UNA TESTATA GIORNALISTICA IN QUANTO VIENE AGGIORNATO
SENZA NESSUNA PERIODICITÀ, PERTANTO, NON PUÒ CONSIDERARSI UN PRODOTTO EDITORIALE AI SENSI
DELLA LEGGE N. 62 DEL 7.03.2001.

08/04/2011 scritto da BATENZO