Crea sito

     dIVINAZIONE



ALOMANZIA

L'alomanzia era un'arte divinatoria basata sull'interpretazione del sale.

Il nome deriva dal greco háls, sale e μαντεία (mantéia, divinazione) attraverso il latino medievale halomantia.

Questa pratica era in uso nel Paganesimo ed è citata da Omero, che definisce "divino" il sale.

Si poteva praticare in diversi modi: venivano osservati i modi con cui si scioglieva nell'acqua ,spargendo il sale su una superficie piana e interpretando i simboli che prendevano forma in questo modo,gettando il sale nel fuoco e interpretando gli scoppiettii, oppure interpretando eventi fortuiti come il sale dimenticato, la saliera rovesciata; in particolare, era ritenuto un cattivo presagio se un commensale si addormentava prima che le saliere fossero sparecchiate. Probabilmente da questa pratica ha avuto origine la nota superstizione secondo la quale rovesciare il sale porterebbe sfortuna.
Altre volte se ne metteva un pizzico sulla mano di un malato e, a seconda della disposizione che assumevano i granuli, se ne traevano divinazioni mediche.
Tra i romani c'era la convinzione che fosse di cattivo auspicio per un invitato, il fatto che dormisse sul tavolo prima che fossero ritirate le saliere.
Oggigiorno si continua a credere che versare il sale, sul tavolo o meno, porti male.
Per scongiurare gli effetti negativi che questo può arrecare, si consiglia che, immediatamente dopo aver versato il sale, se ne prenda una punta col coltello.



Torna a INDEX