Crea sito

DOSSIER ITALIA




 

Cambiamento di sesso,proposta choc.

Sentirsi donna ma avere un corpo da uomo, oppure sentirsi uomo ma avere un corpo da donna. Tecnicamente viene definita «disforia di genere» e secondo i medici può essere diagnosticata già da bambini. Proprio per questo all’ospedale di Careggi il reparto di Medicina della sessualità e andrologia ha chiesto il via libera alla Regione di diagnosticare il disturbo sui bimbi. Solo così, nel caso venga diagnosticato, si potrebbe bloccare la pubertà ed evitare il ricorso a un intervento di chirurgia plastica nel futuro.

 

Sarebbe l’unico centro di tutta l’Europa meridionale a farlo. Il disturbo di identità di genere riguarda una persona su 30-50 mila. «Al momento – spiega il professore Mario Maggio, direttore del reparto – questa diagnosi può essere fatta solo in età maggiore, nonostante il disturbo si manifesti già in età infantile». Come? «Nei bimbi si tratta di capire se giocano ad esempio con le bambole o indossano i vestiti della sorella». Con questa diagnosi si potrebbe seguire la crescita prima dello sviluppo di tutti gli organi sessuali: «Ci sono farmaci – continua – che bloccano la pubertà precoce e abbiamo chiesto di estenderli anche sulla pubertà inadeguata, in modo da indirizzare subito la pubertà verso il sesso che veramente sente il paziente».

La comunità scientifica, all’interno del convegno «Rete toscana per l’accoglienza e l’assistenza alla disforia di genere», ha cominciato ad interrogarsi: psichiatri, psicologi, andrologi, hanno dibattutto sulla possibilità o meno di intervenire su un disturbo che – è stato evidenziato – può manifestarsi nell’adolescenza senza comunque persistere in età adulta. Cautela anche da parte del mondo politico, con l’assessore regionale alla sanità Luigi Marroni che ha così commentato: «Un argomento delicato, bisogna valutare molto bene ed infatti al riguardo si esprimerà anche il comitato bioetico».


TORNA A HOME PAGE

QUESTO sito NON RAPPRESENTA UNA TESTATA GIORNALISTICA IN QUANTO VIENE AGGIORNATO SENZA NESSUNA PERIODICITÀ, PERTANTO,
NON PUÒ CONSIDERARSI UN PRODOTTO EDITORIALE AI SENSI DELLA LEGGE N. 62 DEL 7.03.2001.
Questo sito non è stato creato a scopo di lucro o politico.
L'AUTORE NON HA ALCUNA RESPONSABILITÀ PER QUANTO RIGUARDA gli articoli scritti che sono presi da altri blog o siti SITI dAI QUALI  DECLINO OGNI RESPONSABILITÀ PER GLI EVENTUALI ERRORI ED INESATTEZZE RIPORTATI NEL sito E PER GLI EVENTUALI DANNI DA ESSI DERIVANTI


27/10/2013 scritto da BATENZO