Crea sito

GIOCHI da TAVOLO





GIOCHI DA TAVOLO
 

Gioco dell'Oca

 

Il gioco dell'oca è un tipo di gioco da tavolo tradizionale per bambini. Si tratta di un gioco di percorso estremamente semplice, in cui il vincitore è determinato esclusivamente dalla sorte.
Esistono tantissime varianti.

Il gioco

Si gioca su tabellone sul quali è disegnato un percorso a spirale, generalmente sinistrorsa, composto da 63 caselle (talvolta questo numero sale fino a 90), contrassegnate con numeri o altri simboli. I giocatori iniziano con un segnalino nella casella di partenza e, a turno, procedono lungo il percorso di un numero di caselle ottenuto attraverso il lancio di una coppia di dadi. Lo scopo del gioco è raggiungere la casella centrale della spirale.

Alcune caselle di arrivo hanno un effetto speciale. Nella versione tradizionale, le caselle che rappresentano oche
(da cui il nome del gioco) consentono di spostarsi subito in avanti di un numero di caselle pari a quelle coperte dal movimento appena effettuato. Queste caselle sono collocate ogni nove caselle a partire dalle caselle 5 e 9
(una conseguenza di questa disposizione è che un lancio iniziale di 9 porta immediatamente il giocatore alla
 casella 63 e quindi alla vittoria).

Le altre caselle speciali sono le seguenti:

  • alla casella 6 ("il ponte") si paga la posta e si ripete il movimento come nelle caselle con le oche;
  • alla casella 19 ("casa" o "locanda") si paga la posta e si rimane fermi tre turni;
  • alle caselle 31 ("pozzo") e 52 ("prigione") si rimane fermi fino a quando non arriva nella casella un altro segnalino, che viene a sua volta "imprigionato";
  • alla casella 42 ("labirinto") si paga la posta e si torna alla 39;
  • alla casella 58 ("scheletro") si paga la posta e si torna alla 1.

La casella d'arrivo (la 63) deve essere raggiunta con un lancio di dadi esatto; altrimenti, giunti in fondo, si retrocede dei punti in eccesso.


torna a index



QUESTO SITO NON RAPPRESENTA UNA TESTATA GIORNALISTICA IN QUANTO VIENE AGGIORNATO
SENZA NESSUNA PERIODICITÀ, PERTANTO, NON PUÒ CONSIDERARSI UN PRODOTTO EDITORIALE AI SENSI
DELLA LEGGE N. 62 DEL 7.03.2001.


28/02/2011 scritto da BATENZO