Crea sito

         





l FANTASMI 

Da secoli fanno parte della nostra realtà: discreti, spaventosi o invadenti che siano, essi sono ovunque. Ciascuno con la sua storia, i suoi amori, le sue sofferenze.
Ma COSA SONO I FANTASMI???
Non è facile dare una risposta a questo interrogativo: una definizione scientifica non esiste e nessuno è ancora riuscito a fornire una definizione convincente.
Esistono,tuttavia,diverse teorie: nessuna di esse, se presa singolarmente, é in grado di spiegare
tutti i fenomeni che sono legati al mondo degli spettri.
Ognuna delle teorie qui proposte può avere un proprio fondamento logico ma la natura di
queste presenze affascinanti e suggestive è destinata a rimanere per tutti noi un mistero. Nessuno potrà mai indicarvi la soluzione di questo rebus.... e questo perché................

 forse UNA RAGIONE NON ESISTE!
 

 

TEORIA 1 (non esistono)

In base a questa prima teoria, il fenomeno di queste inconsuete apparizioni celerebbe una serie di inganni oppure sarebbe spiegabile mediante le leggi che regolano la fisica e la natura:
il lugubre gemito di un bosco infestato potrebbe essere generato dal vento che, facendosi largo tra le fronde degli alberi, produce sibili particolarmente "spettrali".

 

TEORIA 2 (sono solo leggende)

Ecco che allora i Fantasmi si propagherebbero con estrema facilità da un luogo all'altro, da un estremo all'altro della Terra e ciascuno di essi sarebbe frutto della semplice fantasia popolare: si narra che un certo Frank Smith provò ad inventare un Fantasma raccontando che sul molo del Tamigi si poteva incontrare un prelato del 1600. Il risultato? Alcune delle persone che lui stesso intervistò nei giorni seguenti... giurarono di aver visto quello spettro terrificante!!!

 

TEORIA 3 (sono solo allucinazioni)

Essi esisterebbero solo nella mente di colui che è coinvolto nell'apparizione. Questa teoria può essere validamente adottata solo in una casistica assai ridotta: come si potrebbe spiegare il caso in cui un Fantasma appare a più persone?? Certo, direte voi, esistono pur sempre le "allucinazioni collettive" (nelle quali colui "che vede" finisce col trasferire telepaticamente l'immagine a tutti gli altri)...ma...i particolari dell'apparizione possono essere del tutto sconosciuti e rivelarsi, poi, come esatti. Esempio: chi vede il Fantasma non poteva conoscere l'aspetto del defunto che secoli addietro abitava quell'antico castello.

 

TEORIA 4 (sono un prodotto telepatico)

I Fantasmi non sarebbero gli spiriti di persone ormai scomparse ma sarebbero una manifestazione di individui ancora in vita. Essi (mediante uno "sdoppiamento" sensoriale della propria persona) invierebbero un messaggio in momenti di particolare pericolo (apparizioni crisi).

 

TEORIA 5 (sono spiriti di persone scomparse)

Questa è indubbiamente la teoria più romantica ma....perché mai un defunto dovrebbe divertirsi a spaventare con le sue apparizioni i poveri viventi? Perché mai dovrebbe rimanere su questa Terra anziché migrare verso una nuova vita? A tali obiezioni si può ancora replicare: i Fantasmi sarebbero (secondo Hans Holzer) "Stay-behinds" (Rimasti indietro) perché deceduti di morte violenta. Se così fosse, essi sarebbero ancora dotati di intelligenza. Perché allora, nelle loro apparizioni, la stragrande maggioranza di loro compie azioni meccaniche e ripetitive? Perché, se davvero sono spiriti, non si presentano sotto semplici sembianze eteree ma appaiono indossando gli abiti del loro tempo?

 

TEORIA 6 (sono registrazioni psichiche)

Peter Underwood (uno dei più noti Ghost Hunter del mondo) faceva notare come, spesso, gli spettri attraversino porte e muri che non esistono più ma che esistevano un tempo. E' come rivedere un film datato che viene ritrasmesso ciclicamente. I Fantasmi sarebbero, allora, "fotografie" rimaste impresse nella pellicola spazio-temporale. Queste registrazioni si verificherebbero solo in seguito ad eventi particolarmente complessi dal punto di vista emozionale: ecco perché molti spettri ripresentano nelle loro comparizioni determinati stati d'animo (paura, tristezza, angoscia, amore, ecc,ecc....).

 

 

Non tutti i Fantasmi si manifestano nello stesso modo ed hanno le medesime caratteristiche. Un vero Ghost Hunter deve imparare a riconoscere ogni particolare "presenza" e deve sapere con "chi" o con "che cosa" ha a che fare. Solo così potrà sperare di ottenere qualche buon risultato. E voi? Li sapreste distinguere? Ecco a voi una piccola guida per aiutarvi!

 

INFESTAZIONI

I nostri colleghi inglesi le chiamerebbero "hauntings" (dal verbo "to haunt","ossessionare"). 
Lo "spettro infestatore" è assolutamente vincolato ad un luogo o ad un oggetto ed è anche il più famoso ed il più classico di tutti i fantasmi. La casa che lo ospita è detta "haunted house". Le infestazioni possono aver carattere maligno oppure essere del tutto inoffensive (e questo è, a dir il vero, il caso più frequente). 
Caratteristica di questo tipo di Fantasmi è il loro comportamento: essi agiscono come se non si rendessero conto di "convivere" con esseri viventi!! A volte appaiono con lineamenti sfumati, in altre occasioni si presentano con tratti somatici ben definiti: spesso vengono addirittura scambiati per persone in carne ed ossa! Famosi sono i rinomati casi delle cosiddette "Dame bianche" e dei "Monaci". 
Ma teatro delle loro apparizioni non sono solamente le case o i luoghi chiusi: sono innumerevoli le segnalazioni di "luoghi aperti" che ospitano ancora parecchi spettri di questo tipo! I campi di battaglia o i corsi d'acqua sembrano essere i più interessati al fenomeno. Ma ad essere infestati possono essere anche determinati oggetti: porte, sedie, bare, specchi, spesso conservano i loro "strani poteri" anche se trasportati lontano dal luogo in cui in origine si trovavano.
 

SPIRITI

Sono le anime delle persone defunte che ritornano nei loro luoghi di origini per cercare di mettersi in contatto con i vivi. Per comunicare con loro si è soliti riunirsi in "sedute spiritiche" alla presenza di un medium. Storicamente furono due bimbe americane (le sorelle Fox) ad affermare di poter comunicare con gli spiriti mediante un alfabeto basato su colpi. E' da notare come questa tecnica abbia lasciato il segno anche nella nostra cultura.
Pare che derivi da questa tecnica il detto: " -Se ci sei batti un colpo- "!
 

POLTERGEIST:

Sono tra i più intriganti. Il Poltergeist è definibile come una infestazione temporanea caratterizzata da fastidiosi rumori, lancio di oggetti di ogni tipo, spostamenti di mobili ed altro ancora. E' una specie di spirito burlone che si diverte a spaventare gli abitanti delle case interessate al fenomeno. L'appellativo "Poltergeist" deriva dal tedesco "polter" (frastuono) + "geist" (fantasma). Uno dei casi più famosi è quello noto come "La strega della famiglia Bell": un Poltergeist pronto a tutto che infestò l'abitazione di John Bell nel 1817 nel Tennessee. Oltre al lancio di diversi oggetti, questa entità si dilettava a prendere a sberle tutta la famiglia. Non paga,si divertiva a strillare giorno e notte rivolgendo frasi volgari a John. Costui fu ritrovato morto avvelenato: qualcuno o qualcosa aveva segretamente sostituito il suo sciroppo con un liquido mortale. La voce della strega si sentì ancora in due occasioni: poco dopo la morte di John e durante il suo funerale. Nella prima circostanza usò questa espressione:       " - E' inutile svegliare Jack!! Questa volta l' ho sistemato una volta per tutte!- ". Nella seconda circostanza invece: "- Su,datemi del brandy!!- ".

Anche in Italia vi sono diversi precedenti. Tra i tanti, particolare menzione va fatta riguardo ad un Poltergeist di Napoli che, dopo aver costretto una famiglia al trasloco, decise (tutto contento) di seguirla. Dicono che fu visto ballare sopra ai mobili pronti per il trasporto e, tra un saltello e l'altro, lo si udì rivolgere ai poveri sventurati questa frase: 
"- Mo' jammo a casa nova -".
 

FANTASMI FAMILIARI

Sono tipici dell'Irlanda (uno dei paesi più infestati in assoluto).     A Dublino li chiamerebbero "Banshee" (dal gaelico "bean si", "donna fata") e sono legati ad una determinata famiglia. Le loro manifestazioni sono davvero inquietanti per via dei loro lunghi e orribili lamenti notturni. Non appaiono molto spesso ma pare che il loro aspetto sia quello di una donna dai capelli rossi e occhi verdi. La caratteristica che li contraddistingue è quella di essere uditi solo dai componenti della famiglia e presagiscono un lutto imminente. Ma i Banshee sono presenti anche in Scozia: pare che il Banshee della dinastia Airlie di Cortachy Castle si presenti con un rullare di tamburo. La storia racconta che un certo Lord Airlie uccise un giovane tamburino incastrandolo nel suo strumento musicale e facendolo precipitare dalle mura. Da allora il tamburo torna a suonare quando è prossima la morte di uno dei suoi nemici.
 

FANTASMI DI ANIMALI

Ve ne sono davvero di tutti i tipi! Dagli orribili cani neri che infestano la torre di Buckholm nella valle di Gala (Scozia) a quelli più "mansueti" che abitano il mulino di Wilmington (Inghilterra) dove furono visti cani,gatti e conigli fantasma. 
Ancora: in Irlanda (presso Killakee) pare appaia il fantasma di un gigantesco gatto nero dagli occhi rossi. 
Secondo alcuni, in realtà, non si tratterebbe di un micio ma 
dello spettro di un demone del'antica organizzazione di streghe del diciottesimo secolo: I' Hell Fire Club.

Ma i fantasmi di animali non sono sempre così spaventosi!! Molto spesso sono segnalati spettri di gentili bestioline domestiche: si dice che l'australiano William Courtney  per molto tempo sentì la sua cagnetta.
 

FANTASMI DI PERSONE VIVE

Ebbene sì!! Non sono solo i defunti ad apparire. Capita, infatti, che un individuo ancora in vita sia visto in un posto e poi si venga a sapere che ciò non era assolutamente possibile perché, in quel giorno o in quel preciso momento,
il soggetto era distante magari migliaia di chilometri. Il fenomeno è simile per certi versi alla "bilocazione" (quando, cioè, una persona viene vista in più posti contemporaneamente). Un esempio? Immaginate di veder suonare alla vostra porta il postino e scoprire in seguito del suo trasferimento......avvenuto magari da diversi giorni.

 

APPARIZIONI - CRISI

Sono davvero singolari. Sono le comparizioni di persone nel momento stesso in cui muoiono o stanno per lasciare questo mondo. Celebre è il caso (datato 1918) del tenente della Royal Air Force: David McConnel.
 

FANTASMI DI OGGETTI

Si va dagli abiti antichi alle armi, dagli aeroporti ai galeoni. Sono segnalati hotels e case fantasma che compaiono o svaniscono senza lasciare la benché minima traccia della loro esistenza (immaginatevi lo stupore di clienti e inquilini!). Tra i tanti casi, citiamo come esempio quello dell' Autobus fantasma n°7 di Kensington (Londra), classico autobus a due piani rosso (come tradizione vuole). A notte fonda lo si poteva veder passare indisturbato lungo St.Mark's Road sullo stesso percorso che il vero n°7 effettuava durante il giorno. Questo fantasma provocò incidenti automobilistici mortali e le inchieste si conclusero accusando di colpevolezza lo stesso fantasma!! 
Il fantasma scomparve definitivamente quando il Comune decise di allargare St.Mark's Road.
 

FALSI FANTASMI

In questa categoria sono compresi tutti i Fantasmi che tali non sono. Si possono citare le creature del  folklore quali: fate, folletti, gnomi, ecc.ecc.

Inoltre, spesso, i fantasmi possono avere una loro spiegazione logica o legata al mondo della natura. Si può trattare semplicemente di un errore (un improvviso black-out elettrico può essere attribuito all'azione di un Poltergeist) o addirittura di una frode  
(e anche in questo caso i precedenti non mancano).


Con lo sviluppo della tecnologia moderna, i fenomeni di frode accertata si sono moltiplicati in maniera esponenziale.
Le odierne applicazioni informatiche possono consentire a chiunque di creare veri e propri "effetti" sensazionali. 
Per questo motivo (al fine di discernere il normale dal "paranormale") un richiamo ad un sano "scetticismo costruttivo" ricopre un' importante prerogativa per lo studio e l'analisi di questi particolari fenomeni.

 

 


torna a HOME PAGE



QUESTO sito NON RAPPRESENTA UNA TESTATA GIORNALISTICA IN QUANTO VIENE AGGIORNATO
SENZA NESSUNA PERIODICITÀ, PERTANTO, NON PUÒ CONSIDERARSI UN PRODOTTO EDITORIALE AI SENSI
DELLA LEGGE N. 62 DEL 7.03.2001.

22/06/2011 scritto da BATENZO