Crea sito



ERMETE TRISMEGISTO

 

Ermete Trismegisto o Mercurio Termasimo che significa Ermes il tre volte grandissimo, una figura molto misteriosa al quale sono stati attribuiti, migliaia di opere tra cui La tavola di Smeraldo, un testo esoterico comparso ne medioevo.
 

Nelle scritture egizie, infatti, il titolo del dio Hermes-Thoth è attestato nella forma

G26
t y
S43 S43

cioè Thoth due volte grande, in cui il geroglifico

S43

3 grande (cfr. copto ΑΙΑΙ) è ripetuto due volte. È quindi possibile ipotizzare che vi sia stata anche una forma
 

G26
t y
S43 S43 S43

Thoth tre volte grande, che sta alla base del greco τρισμέγας e τρισμέγιστος

Secondo l'erudito del XVII secolo Athanasius Kircher:

« Gli Arabi lo chiamano Idris, dall'ebraico Hadores, i fenici  Tauto, gli Egizi-Thot ma lo chiamano anche Ptha e i Greci Ermete Trismegisto. »


Ermete fu il grande sacerdote che condusse la scienza iniziatica in Egitto antico.

Di lui hanno scritto numerosi filosofi e scrittori, tra cui E.Shurè nell’opera I grandi iniziati, e da Marcello Ficino che scrisse di lui:
Egli è detto il primo degli autori di teologia; gli successe Orfeo, secondo fra i teologi dell’ antichità: Aglaofemo ch’era stato iniziato all’insegnamento sacro di Orfeo, ebbe come successore in teologia Pitagora, di cui fu discepolo Filolao, il maestro del nostro divino Platone. Vi è quindi una prisca theologia … che ha la sua origine in Mercurio e culmina nel divino Platone

Anche Diodoro, nella sua Biblioteca storica Libro I scrisse
:
Tra tutti Osiride teneva nel più alto grado di considerazione Ermes, perché fornito di naturale sagacia nell’introdurre innovazioni capaci di migliorare la vita associata. Secondo la tradizione, infatti sono opera di Ermes l’articolazione del linguaggio comune, la denominazione di molti oggetti fino ad allora privi di nome, la scoperta dell’alfabeto e l’organizzazione dei rituali pertinenti agli onori e ai sacrifici divini. Egli fu il primo ad osservare l’ordinata disposizione degli astri e l’armonia dei suoni musicali secondo la loro natura; fu l’inventore della palestra e rivolse le sue cure allo sviluppo ritmico del corpo umano. Inventò anche la lira con tre corde fatte di nervi, imitando le stagioni dell’anno: adottò infatti tre toni, acuto, grave, medio, in sintonia rispettivamente con estate, inverno, primavera. Anche i Greci furono da lui educati nell’arte dell’esposizione e dell’interpretazione, vale a dire l’arte dell’ermeneutica, e per questa ragione gli hanno dato appunto il nome di Ermes. In generale Osiride ebbe in lui il suo scriba e sacerdote: a lui comunicava ogni questione e ricorreva al suo consiglio nella stragrande maggioranza dei casi. Invece di Atena, come credono i Greci, sarebbe stato Ermes a scoprire la pianta dell’ulivo.


Ad Ermete vennero attribuiti gli scritto ermetici, molto amati nel Rinascimento, e c’è chi sostiene che Mosè attinse il suo sapere dagli scritti di Ermete.

Lui, fu il creatore della Tavola di Smeraldo, i cui precetti furono travati in epoca cristiana in una tomba egizia.
Una parte dello scritto contiene queste parole:

Questo è vero senza menzogna, certo e verissimo.
Ciò che è in basso è come ciò che è in alto e ciò che è in alto è come ciò che è in basso per fare i miracoli della cosa una.
E poiché tutte le cose sono e provengono da una, per la mediazione di una, così tutte le cose sono nate da questa cosa unica per adattamento.
Il Sole è suo padre, la Luna è sua madre, il Vento l’ha portata nel suo grembo, la Terra è la sua nutrice.
Il padre di ogni telesma, di tutto il mondo è qui. La sua forza è intera se essa è convertita in terra
Separerai la Terra dal Fuoco, il sottile dallo spesso dolcemente e con grande industria
Egli sale dalla Terra al Cielo e nuovamente discende in Terra e riceve la forza delle cose superiori e inferiori
Con questo mezzo avrai la gloria di tutto il mondo e per mezzo di ciò l’oscurità fuggirà da te
È la forza forte di ogni forza: perché vincerà ogni cosa sottile e penetrerà ogni cosa solida
Così è stato creato il mondo
Da ciò saranno e deriveranno meravigliosi adattamenti, il cui metodo è qui
È perciò che sono stato chiamato Ermete Trimegisto, possedendo le tre parti della Filosofia del mondo intero
Ciò che ho detto dell’operazione del Sole è compiuto e terminato.

Edgar Cayce dice che Ermete fu ingegnere di Atlantide e il progettista delle piramidi.

Ad Ermete vengono attribuiti numerosi capolavori, scritti che ancora ora non sono del tutto capiti, ma rimane il fatto, che questa figura sia stata ed è ancora, avvolta nel mistero.

torna a HOME PAGE

QUESTO sito NON RAPPRESENTA UNA TESTATA GIORNALISTICA IN QUANTO VIENE AGGIORNATO
SENZA NESSUNA PERIODICITÀ, PERTANTO, NON PUÒ CONSIDERARSI UN PRODOTTO EDITORIALE AI SENSI
DELLA LEGGE N. 62 DEL 7.03.2001.

23/06/2011 scritto da BATENZO