Crea sito

 

  PROFEZIE

 

 

               Jakob Lorber

Jakob Lorber (Kaniža, 22 luglio 1800 – 24 agosto 1864) è stato un mistico, scrittore, musicista, insegnante e chiaroveggente sloveno, che parlava di se stesso come dello "scrivano di Dio". Scrive nelle sue memorie, che dal 15 marzo del 1840 comincia ad udire una 'voce interiore' proveniente dall'area del suo cuore, e da allora inizia a trascrivere quello che la voce gli suggeriva.

Al momento della sua morte, 24 anni più tardi, aveva scritto un volume di manoscritti equivalenti a 10.000 pagine stampate, da questo lavoro non ottenne alcuna ricompensa finanziaria, che del resto non chiedeva ne si aspettava. L'opera di Jakob Lorber si divide in circa 24 libri, che nel loro insieme, sono chiamati la Nuova Rivelazione.

Anche se soltanto poche pagine del suo manoscritto erano state pubblicate durante la sua vita, Lorber predisse che eventualmente tutti i suoi scritti sarebbero stati pubblicati e studiati per tutto il vasto mondo, come accade al giorno d'oggi.

Jakob Lorber si dichiarava incapace di capire molte delle cose che suppostamente gli venivano dettate dalla voce interiore, che scriveva di oggetti scientifici oppure di concetti come l'atomo, le particelle elementari ed il tremendo potenziale energetico nella materia, molto prima che fossero state scoperte o semplicemente ipotizzate le varie forme di energia nucleare [5].

Scrisse di un'era della tecnologia nella quale l'uomo avrebbe inventato la comunicazione wireless, avrebbe volato sopra gli oceani e costruito vagoni in acciaio viaggianti a velocita' superiori a quelle delle frecce; ma anche delle conseguenze del bruciare vari tipi di combustibile fossile, dell' inquinamento, della deforestazione e del loro potenziale per causare una grande devastazione, che avrebbe provocato grandi tempeste e terremoti [6]. Scrisse di macchine di forma antropomorfa o simili a creature viventi che avrebbero eseguito compiti umani "e che allora molte mani sarebbero rimaste inoperose e che gli stomaci dei poveri e disoccupati sarebbero stati tormentati dalla fame".

Il Sole e Saturno abitati da 'corpi spirituali'

Inoltre Lorber afferma che corpi celesti come il Sole oppure Saturno sono abitati (da corpi "spirituali" piuttosto che materiali).

Seconda venuta di Gesù Cristo

Ad esempio, mentre descrive la Seconda Venuta di Cristo, Lorber fornisce informazioni che alcuni lettori considerano una descrizione di Internet e della possibilità di caricare e scaricare articoli e libri, oltre alla facilità di stamparli in milioni di copie:

Nell'occasione della Mia Seconda Venuta, Io non rinascerò di nuovo come un bambino nato dal ventre di una donna, dal momento che il Mio corpo rimane trasfigurato come uno spirito nell'eternità, e per questa ragione Io non avrò più bisogno di un altro corpo nella maniera da voi indicata. Comunque, prima Io dovrò arrivare invisibilmente nelle nubi del cielo, che vuol dire: Io prima mi avvicinerò all'umanità attraverso gli autentici veggenti, grazie a persone sagge e a profeti risvegliati di nuovo. E in quei giorni anche alcune fanciulle profetizzeranno e giovani uomini avranno sogni di chiaroveggenza che annunceranno il Mio avvento. Molti li ascolteranno e ammenderanno le loro errate vie, ma il mondo li chiamerà pazzi fanatici e non gli crederà, allo stesso modo che fecero con i profeti.

Inoltre, Io sveglierò di tempo in tempo alcune persone alle quali Io detterò, attraverso il loro cuore, tutto quello che allora verrà detto durante la Mia presenza qui, quello che succede e che viene discusso. Quello che viene scritto sarà moltiplicato entro sole poche settimane e giorni, verrà moltiplicato in molte migliaia di copie identiche in quella ottima maniera molto ben conosciuta e disponibile a molte persone a quei tempi, che allora le renderanno accessibili in modo piu comodo a sé stessi e a tanti altri non tanto edotti. Allora le persone in quei giorni, quasi tutti quelli in grado di leggere e scrivere, saranno capaci di leggere e comprendere i nuovi libri. Questo nuovo modo di spargere i Miei insegnamenti, direttamente dal cielo, consegnati di nuovo ed incontaminati, renderà possibile il raggiungere le persone di tutta la Terra molto più velocemente ed efficacemente rispetto a quel che è possibile adesso tramite i messaggeri inviati in Mio nome, che pronunciano le Mie parole per bocca. Quando in questo modo i Miei insegnamenti saranno consegnati alle persone di buona volontà e di fede attiva, ed almeno un terzo dell'umanità saprà di questa cosa, allora Io arriverò personalmente qui ed altrove e mi renderò fisicamente visibile a quelli che più Mi amano, che da lungo tempo attendono il Mio ritorno e hanno una fede pienamente viva.

Il suo Grande Vangelo di Giovanni consiste in una narrazione dettagliata in prima persona del ministero triennale di Gesù sulla Terra, di circa 2.000 pagine di lunghezza e si basa sulla stessa struttura del Vangelo di Giovanni, che viene descritto come un libro eterno, dal momento che persiste continuamente nell'Apostolo Giovanni, il desiderio di comprendere l'interpretazione più spirituale delle parabole di Gesù. Il libro più grande, conferma le dichiarazioni di Gesù sull'essere se stesso Dio, e gli rivela molti altri miracoli di un grado stupefacente e molto più grandioso rispetto a quello dei Vangeli originali. Nel Grande Vangelo di Giovanni, il narratore, secondo Lorber lo stesso Gesù, spiega di essere il creatore dell'Universo materiale, ed afferma di aver fatto questo per inspirare i suoi bambini che altrimenti non l'avrebbero potuto percepire nella sua forma primordiale dello spirito.

Evoluzione e geologia formulate in modo sostanzialmente corretto [modifica]
Fornisce accurate descrizioni degli eoni di tempo trascorsi nella creazione della Terra. Lorber la spiega in modo simile alla moderna teoria dell'Evoluzione, descrivendo tutta la lunghissima strada percorsa fino al punto, diverse migliaia di anni fa, quando Gesù mise Adamo sulla Terra, che a quei tempi conteneva soltanto creature umanoidi che non avevano libero arbitrio, dal momento che semplicemente erano i più intelligenti tra gli animali [8] Alcuni lettori hanno notato che Lorber scriveva queste cose molti anni prima che Charles Darwin publicasse la sua teoria sull'evoluzione nel 1859 (Darwin, oltre al grado accademico, si basava su dati oggettivi, su lievi e progressive divergenze di caratteristiche fisiche, osservate su popolazioni di uccelli delle Galapagos, in condizioni di grande isolamento evolutivo e grande deriva genetica rispetto al continente sudamericano).

Libero arbitrio: inferno e paradiso

In questo modo inclusivo, il Grande Vangelo di Giovanni continuamente mette in risalto l'importanza del libero arbitrio. In questo modo, il paradiso e l'inferno sono presentati come condizioni già presenti al nostro interno, espresse in base al fatto di vivere in armonia oppure contrariamente all'ordine stabilito da Dio. Il Grande Vangelo di Giovanni dichiara anche che i vangeli di San Giovanni e San Matteo sono stati scritti proprio al tempo degli eventi che narrano; ad esempio, Lorber scrive che Gesù specificamente chiese a Matteo di prendere note durante il Sermone della Montagna. Questo dato, preso in esame di prim'acchito, sembra essere contrario alla Teologia cristiana più ortodossa, che tipicamente colloca la redazione del vangelo di Matteo alcuni anni dopo la risurrezione di Gesù Cristo e quello di Giovanni nel II secolo A.D. Comunque, nel Grande Vangelo di Giovanni il narratore spiega come possa essere sorta tutta questa confusione. Lorber dichiara che vi furono molti successivi redattori-elaboratori del Vangelo, includendo alcuni autori che si tramandavano il nome Matteo di padre in figlio, che hanno elaborato scritti simili in un periodo di molti anni.



torna ad home page

QUESTO sito NON RAPPRESENTA UNA TESTATA GIORNALISTICA IN QUANTO VIENE AGGIORNATO SENZA NESSUNA PERIODICITÀ, PERTANTO, NON PUÒ CONSIDERARSI UN PRODOTTO EDITORIALE AI SENSI
DELLA LEGGE N. 62 DEL 7.03.2001.
Questo sito non è stato creato a scopo di lucro o politico.


03/05/2011 scritto da BATENZO