Crea sito

PRONTOSOCCORSO

INDEX BAT-ENZO
2012
ASTRONOMIA
BENESSERE
CASA
MISTERIO

PROFEZIE
PRONTOSOCCORSO
SALUTE
SAPERE
SURVIVAL
VULCANOLOGIA
UFO


 




Il primo soccorso è l'insieme delle azioni che permettono di aiutare una o più persone
in difficoltà, nell'attesa dell'arrivo dei soccorsi qualificati. Nessuna azione deve essere svolta senza aver valutato la situazione. Appena possibile, compatibilmente con le possibilità, dopo aver compiuto un esame primario, è necessario effettuare una chiamata di emergenza per attivare la catena del soccorso,

 in Italia chiamando il 118, in Europa il 112.

Chi trova una persona priva di coscienza, ferita o in pericolo deve innanzitutto valutare attentamente quale può essere la causa, per evitare di mettere ulteriormente in pericolo l'incolumità dell'infortunato e la propria.
I pericoli relativi a gas, esalazioni tossiche e nocive, elettricità possono anche essere non immediatamente evidenti. Le operazioni che chiunque è obbligato a svolgere in questi casi sono esclusivamente: avvisare le autorità spiegando in dettaglio dove ci si trova e attendere l'arrivo dei soccorsi senza allontanarsi. In difetto si ravvisano gli estremi del reato di omissione di soccorso.

I DISTURBI DELLA CIRCOLAZIONE

 LIPOTIMIA O SVENIMENTO


Lo svenimento è una momentanea perdita di conoscenza dovuta ad una temporanea
riduzione di afflusso di sangue al cervello; può essere dovuta ad un’emozione intensa,
ad una riduzione della pressione arteriosa, al caldo intenso. È benigno e si risolve
in breve tempo.

Sintomi generali
il soggetto apparirà pallido, talvolta solo lievemente sudato; il polso è lento.

Cosa fare
Essendo l’obiettivo quello di migliorare la circolazione cerebrale si metterà il soggetto
a terra, tenendo le gambe in alto, afferrandolo alle caviglie oppure utilizzando un
sostegno adeguato, come cuscini o una sedia rovesciata

LE POSIZIONI DI SICUREZZA
Posizione supina                                                                    Posizione antishock

Quando il soggetto si riprenderà rassicuratelo, e dopo alcuni minuti mettetelo a
sedere, se in questa posizione riavverte malore invitatelo a piegarsi in avanti tenendo
la testa tra le gambe.
 Fatelo alzare in piedi solo quando siete sicuri che si sia ripreso.
Se il soggetto malgrado la posizione non riprende conoscenza, chiamare il soccorso 118.

SHOCK

Mentre nello svenimento è solo il cervello che soffre per un inadeguato apporto di
sangue e quindi di ossigeno, nello shock il sistema cardiocircolatorio è incapace
a fornire una adeguata quantità di sangue ai tutti i tessuti periferici cioè a tutto
l’organismo.
Nello shock la diminuzione del flusso è acuta e grave e conduce, se non corretta in
tempo, a disturbi metabolici seri, a danni permanenti o a morte.
Lo shock è sempre accompagnato da diminuzione della pressione sanguigna.

I motivi che conducono allo shock sono diversi, tra i principali:

- il meccanismo di pompa del cuore non adeguato
(come avviene nell’infarto del miocardio);

- la notevole diminuzione del volume sanguigno
(come avviene in un’anemia acuta da emorragia, o nelle ustioni estese);

- gravi reazioni allergiche a farmaci, a punture d’insetto ecc.

Sintomi generali

Il soggetto è pallido con sudorazione fredda;

il polso è poco apprezzabile perché“debole”, ma è molto frequente;

progressiva debolezza fino alla perdita di conoscenza;

respirazione difficoltosa e frequente.

Cosa fare

Porre il soggetto a terra in posizione supina, con le gambe sollevate, come per lo svenimento

Se perde conoscenza utilizzare la posizione laterale di sicurezza, sempre però tenendo
gli arti inf. sollevati.

Chiamare il 118

Controllare polso e respiro, e se necessario iniziare la rianimazione.
 


torna a home page              torna a apparato cardiocircolatorio

 


QUESTO SITO NON RAPPRESENTA UNA TESTATA GIORNALISTICA IN QUANTO VIENE AGGIORNATO SENZA NESSUNA PERIODICITÀ, PERTANTO, NON PUÒ CONSIDERARSI UN PRODOTTO EDITORIALE AI SENSI DELLA LEGGE N. 62 DEL 7.03.2001.
QUESTO SITO NON E' STATO CREATO A SCOPO DI LUCRO O A SFONDO POLITICO .

02/02/2011 scritto da BATENZO