Crea sito

      SALUTE


Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono l'intervento del medico curante.
Nessuna responsabilità è assunta riguardo ai liberi commenti inseriti dai visitatori del sito.
I precedenti consigli, riconducibili a pratiche con scopi terapeutici, non assicurano alcun tipo di garanzia sul fatto che effettivamente queste terapie, sebbene riportate accuratamente, correttamente e senza contravvenire alla legge, possano sostituire l'intervento di un medico tradizionale.




Acromegalia


Ingrossamento anormale del cranio e delle estremita scheletriche causate dalla secrezione eccessiva dell'ormone della crescita dopo la maturità.

Sintomi
per quanto riguarda il cranio e la testa in generale si possono notare una serie di segnali come per esempio abbassamento della fronte allungamento del volt, si ingrossa il naso si inspessicono le labbra e il mento si allarga e diventa più sporgente. Per quanto riguarda le mani i sintomi si manifestano con l'ingrossamento e l'allungamento delle dita.

Cause
Eccessiva produzione di ormone ipofisario della crescita causata solitamente da un adenoma.

Terapia consigliata

Asportazione dell'adenoma attraverso un intervento chirurgico in associazione a una terapia endocrina sostitutiva. In base al caso particolare ci possono essere tecniche per contrastare il tumore diverse da quella chirurgica.

Storia
La malattia è stata descritta per la prima volta nell'agosto del 1886 da Marie P, in seguito veniva constatato durante le autopsie fino al 1909 quando Bailey, Cushing e Davidoff comprendono che la neoplasia causa un'anomalia alla persona.

Epidemiologia

Colpisce esclusivamente soggetti di età giovanile dalla seconda e fino alla quarta decade.
 Tale fenomeno viene riscontrato, anche se in rari casi, in atleti che fanno uso di ormone della crescita a scopo anabolizzante. L'incidenza cambia a seconda del paese dove si sono condotti gli studi, arrivando anche a 70 casi su un milione, 300 persone ogni anno nella sola Germania si ammalano di tale patologia,mentre negli USA ne soffrono 15.000 persone.

Sintomatologia
I sintomi e i segni clinici che indicano tale patologia sono innumerevoli, ma si manifestano circa 10 anni dopo l'insorgenza della neoplasia ipofisaria: La malattia è caratterizzata da progressivo ingrossamento delle ossa acrali, dalle labbra, delle mani. Alcuni organi come il fegato, la tiroide e la prostata possono ingrandirsi a dismisura (visceromegalia); in questo contesto è possibile lo sviluppo di una ipertrofia cardiaca, associata a ipertensione arteriose a cardiopatia ischemica.
Altre manifestazioni sono macroglossia, diastasi dentaria, ipercalcemia (fino al 16% dei casi),[7]artrite, galattorrea, amenorrea, disfunzioni sessuali fino all'impotenza, disturbi del sonno come nel caso dell'apnea notturna (60% dei casi) e la sonnolenza, sindrome del tunnel carpale. Si riscontrano anche altre alterazioni di tipo metabolico come diabete mellito (25%)[8] e ipertrigliceridemia. L'insieme di queste alterazioni organiche comporta un aumentato della mortalità nei soggetti affetti.

Manifestazioni cardiache
L'ipertensione, associata ad ipertrofia cardiaca e a disfunzione diastolica,
è presente nel 30% dei casi. Studi hanno dimostrato che anche l'aorta è soggetta all'ingrandimento.

Manifestazioni neurologiche

L'accrescimento delle ossa può portare alla compressione di alcuni nervi causando diverse neuropatie (sindrome del tunnel carpale). La cefalea può invece essere causata dalla compressione operata dalla massa tumorale; analoghi della dopamina (come la bromocriptina), in virtù della capacità di ridurre la dimensione del tumore, possono eliminare la sintomatologia cefalgica con ottimi risultati.
La crescita della massa tumorale in sede ipofisaria può portare alla compressione del chiasma ottico, con disturbi visivi di vario tipo ed entità.

 Esami
Esami per misurare la concentrazione plasmatica di IGF-1 (nell'acromegalia risultano molto elevati).
Tomografia computerizzata e Risonanza magnetica sono svolte per una ricerca di masse tumorali a livello della sella turcica.
Elettrocardiografia dinamica ambulatoriale, detta anche "Holter", un esame che registra l'ECG per 24 o 48 ore, utile per comprendere la situazione cardiaca del soggetto.

Eziologia

 Cause maggiori
Nella stragrande maggioranza dei casi esso è dovuto alla incontrollata secrezione dell'ormone della crescita da parte di un adenoma della ghiandola ipofisi (95-98% dei casi),, aumentando di conseguenza anche la concentrazione del fattore di crescita insulinosimile 1.

Tale percentuale si divide fra i vari gruppi di adenomi (somatotropi a cellule granulate, il più diffuso poi a cellule miste e cellule mammosomatotrope)

Cause minori
Altre cause molto meno comuni sono altre forme di neoplasie, ma che non interessano la ghiandola ipofisaria. (La percentuale di incidenza mediamente si attesta al 2% dei casi)

Terapia

Generale
La terapia mira ad ottenere 3 risultati:

Invertire la crescita del tumore (causa della malattia)
Diminuire la gravità dei sintomi che sono correlati agli aumenti del GH e del IGF-1
Diminuire l'alta mortalità (e il relativo abbassamento dell'aspettativa di vita) nelle persone affette
Come trattamento è previsto l'intervento chirurgico, e fra le varia possibilità l'operazione di scelta rimane la resezione transsfenoidale, il cui successo rimane molto alto, 80 ma anche 90% dei casi, mentre in attesa dell'operazione vengono somministrati analoghi della somatostatina, che fornisce molteplici effetti: da un lato riduce i sintomi offrendo sollievo alla persone e dall'altra diminuisce le masse tumorali interessate.

Trattamento farmacologico

Farmaci utilizzati:

Octreotide acetato (analoghi della somatostatina, scoperti nel 1970), molto più potente della somatostatina dose da somministrare: 50 ug (3 volte al giorno), che per allungarne la durata viene modificato con il mannitolo, tale principio attivo viene chiamato Octreotide LAR.
Bromocriptina mesilato (dopamino-agonisti), le dosi sono elevate per dare maggiori effetti, da 1,25 mg
 fino a 5 mg
Pegvisomant (antagonisti dell'ormone della crescita), che è stato testato anche su donne incinte trasmettendo al nascituro il farmaco in parti talmente piccole da non risultare nocivo.
Radioterapia [modifica]Si utilizza come terapia con un dosaggio molto elevato, normalmente 5000 cGy mentre la dose aumenta fino a raddoppiare se si utilizza il trattamento con protoni accelerati, ad una così elevata esposizione risultano diversi effetti indesiderati.

Inoltre se il normale trattamento chirurgico non dovesse essere sufficiente si utilizzano delle nuove tecniche, introdotte recentemente, come il GKR (una terapia di radiochirurgia, dove si utilizza un colletto particolare a raggi gamma, per la persona comporta soltanto pochi effetti indesiderati.

Prognosi
Dipende dalla grandezza degli adenomi, se essi sono di grandezza minima la prognosi è buona per il 70% dei casi altrimenti la percentuale scende diventando inferiore al 50%. In una piccola percentuale delle persone si è vista una recidiva, ma questa a distanza di anni, si può formare ipopitutuitarismo.
Per via delle malattie cardiache che possono insorgere la mortalità risulta alta, se non si riesce a controllare l'anomalo lavoro dell' ormone della crescita l'aspettativà di vita si riduce di almeno una decade,
lo stesso dicasi per il controllo sull'IGF-1.
La vita media così riformulata è stata calcolata in 68 negli uomini, mentre per le donne è stata valutata in 74 anni.Durante gli anni recenti è stato predisposto un questionario per valutare la qualità della vita delle persone sottoposte a radioterapia, il questionario in questione viene chiamato ACRO-QOL (Q.O.L. quality of life, "qualità della vita in inglese") dove venivano misurati depressione, senso di fatica, riduzione della motivazione personale, energia e dolore. Dalle risposte risultava che nel breve periodo si ha un'influenza negativa ma con superando 4 anni la situazione migliora.


Si consiglia sempre di parlarne al proprio medico curante .

torna a HOME PAGE        


QUESTO sito NON RAPPRESENTA UNA TESTATA GIORNALISTICA IN QUANTO VIENE AGGIORNATO SENZA NESSUNA PERIODICITÀ, PERTANTO, NON PUÒ CONSIDERARSI UN PRODOTTO EDITORIALE AI SENSI DELLA
LEGGE N. 62 DEL 7.03.2001.
L'AUTORE NON HA ALCUNA RESPONSABILITÀ PER QUANTO RIGUARDA gli articoli scritti che sono presi da altri blog o siti SITI da i QUALI  DECLINO OGNI RESPONSABILITÀ PER GLI EVENTUALI ERRORI ED INESATTEZZE RIPORTATI NEL sito E PER GLI EVENTUALI DANNI DA ESSI DERIVANTI

28/06/2011 scritto da BAT-ENZO