Crea sito



Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono l'intervento del medico curante.
Nessuna responsabilità è assunta riguardo ai liberi commenti inseriti dai visitatori del sito.
I precedenti consigli, riconducibili a pratiche con scopi terapeutici, non assicurano alcun tipo di garanzia sul fatto che effettivamente queste terapie, sebbene riportate accuratamente, correttamente e senza contravvenire alla legge, possano sostituire l'intervento di un medico tradizionale.




Anchilostomiasi


Detta anche anemia dei minatori perchè il contagio avviene tramite il contatto con il terreno contaminato da due tipi di vermi presenti nelle feci delle persone infette: l'Ancylostoma duodenale (diffuso in Europa e Asia) e il Necator americanus (in Sudamerica e Africa).

Si tratta quindi di una parassitosi: il verme penetra dentro la cute e dopo un lungo percorso va a fissarsi nel duodeno.
Nei luoghi a rischio è fondamentale la prevenzione attraverso l'uso di guanti e calzature.

Sintomi
Il primo segnale è l'arrossamento della pelle nel punto in cui è entrato il verme, poi compaiono viscicole e pustole. con la penetrazione del verme all'interno dell'organismo iniziano a mostrarsi disturbi respiratori e digestivi. Alla fine l’anchilostomìasi si manifesta con anemia sideropenica anche grave e ipoalbuminemia.

Diagnosi
Ricerca delle uova del parassita nelle feci

Terapia consigliata
La terapia è a base di mebendazolo e pomata di pirantel pamoato. Se si manifesta l'anemia sideropenicasi fa necessaria l'assunzione di ferro per via orale.

Sintomi per Anchilostomiasi
Dolore all'addome, Affaticabilità, Astenia, Brulichio, Repulsione per il cibo, Conato, Arrossamento della cute, Debolezza, Disturbi della defecazione, Diarrea, Dissenteria, Ematemesi, Eritema, Esauribilità, Disturbi della evacuazione, Mancanza delle forze, Tendenza a grattarsi, Irritazione, Nausea, Dolore alla pancia, Arrossamento della pelle, Pizzicore, Prurito, Rigetto, Rigurgito, Sciolta, Spossatezza, Stanchezza, Vellichio, Dolore al ventre, Flusso di ventre, Voltastomaco, Vomito, Sangue nel vomito, Sensazione di vomito,


Si consiglia sempre di parlarne al proprio medico curante .

torna a HOME PAGE        


QUESTO sito NON RAPPRESENTA UNA TESTATA GIORNALISTICA IN QUANTO VIENE AGGIORNATO SENZA NESSUNA PERIODICITÀ, PERTANTO, NON PUÒ CONSIDERARSI UN PRODOTTO EDITORIALE AI SENSI DELLA
LEGGE N. 62 DEL 7.03.2001.
L'AUTORE NON HA ALCUNA RESPONSABILITÀ PER QUANTO RIGUARDA gli articoli scritti che sono presi da altri blog o siti SITI da i QUALI  DECLINO OGNI RESPONSABILITÀ PER GLI EVENTUALI ERRORI ED INESATTEZZE RIPORTATI NEL sito E PER GLI EVENTUALI DANNI DA ESSI DERIVANTI

21/02/2011 scritto da BAT-ENZO