Crea sito

   


Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono l'intervento del medico curante.
Nessuna responsabilità è assunta riguardo ai liberi commenti inseriti dai visitatori del sito.
I precedenti consigli, riconducibili a pratiche con scopi terapeutici, non assicurano alcun tipo di garanzia sul fatto che effettivamente queste terapie, sebbene riportate accuratamente, correttamente e senza contravvenire alla legge, possano sostituire l'intervento di un medico tradizionale.




COLANGITE

Infiammazione a carico dei dotti biliari e in generale delle vie biliari extraepatiche. Nella maggior parte dei casi la patologia è causata da batteri (Escherichia coli) che raggiungono le vie biliari attraverso il sistema linfatico o per via ematica.
Spesso la colangite si registra in concomitanza di calcoli o tumori che ostruiscono le vie biliari.

La sintomatologia è caratterizzata da: dolore alla parte superiore destra dell’addome, ittero e febbre con brividi. Spesso si può confondere con una colica. La diagnosi prevede la valutazione dell’ iperbilirubinemia coniugata, le gamma-gt, la leucocitosi e il tipico quadro clinico. Dopo aver calmato la fase acuta si effettua solitamente una colecistografia o la col angiografia.

La terapia è antibiotica; e nel caso in cui si sia una forma ostruttiva anche chirurgica.

PERCHÉ CI SI AMMALA?

La causa precisa non è nota anche se è certo che vi siano importanti cause genetiche e immunologiche.


CHI SI AMMALA?

Colpisce maggiormente gli uomini e inizia solitamente tra i 30 e i 50 anni.
È sempre stata considerata una malattia rara; recenti studi hanno dimostrato però che è molto più frequente di quanto non si credesse.
Può insorgere isolata anche se, sette volte su dieci, i pazienti che ne soffrono sono affetti da una malattia infiammatoria intestinale (spesso rettocolite ulcerosa e malattia di Crohn).


COME SI RICONOSCE?

All’inizio non si accusano sintomi e la malattia viene diagnosticata casualmente con esami di laboratorio.
I sintomi si manifestano anche dopo molti anni e, una volta comparsi, possono rimanere costanti, intermittenti oppure peggiorare gradualmente. I principali sono:

stanchezza;
prurito;
ittero (colorazione giallastra della pelle e della sclera, la parte bianca degli occhi).
A volte insorgono episodi di febbre con brivido, dovuti a infezioni localizzate nei dotti biliari. Dopo 7-15 anni può manifestarsi anche un’insufficienza epatica.
Ogni anno, cinque pazienti su mille affetti da malattia di lunga durata possono manifestare tumori dei dotti biliari (colangiocarcinoma).

Per la diagnosi si esegue una colangiografia (esame a raggi x, dopo iniezione di mezzo di contrasto nei dotti biliari). Questo test si effettua di solito con una procedura endoscopica, chiamata colangiopancreatografia retrograda endoscopica (ERCP - Endoscopic Retrograde Cholangiopancreatography) talvolta, invece, con procedure radiologiche e chirurgiche.
Pure la biopsia epatica può aiutare a confermare la diagnosi di colangite sclerosante primitiva.

Il decorso della malattia varia notevolmente; spesso però progredisce lentamente.


COME SI CURA?

Oggi non esiste una terapia specifica risolutiva, anche se sono in corso molte ricerche per stabilire l’efficacia di diversi farmaci.
I sintomi possono essere trattati efficacemente somministrando farmaci per controllare il prurito, antibiotici per curare le infezioni sovrapposte, vitamine per integrare quelle carenti.
In alcuni casi si adottano tecniche endoscopiche, radiologiche o chirurgiche per risolvere grossi blocchi nei dotti biliari principali e per migliorare il deflusso della bile.

Quando la funzionalità del fegato peggiora gravemente nonostante queste misure, si può effettuare il trapianto di fegato. Dopo il trapianto vi è una sopravvivenza media a un anno dell’87% e del 77% a tre o più anni; per tali casi si prevede una buona qualità di vita.



Si consiglia sempre di parlarne al proprio medico curante .

torna a HOME PAGE        


QUESTO sito NON RAPPRESENTA UNA TESTATA GIORNALISTICA IN QUANTO VIENE AGGIORNATO SENZA NESSUNA PERIODICITÀ, PERTANTO, NON PUÒ CONSIDERARSI UN PRODOTTO EDITORIALE AI SENSI DELLA
LEGGE N. 62 DEL 7.03.2001.
L'AUTORE NON HA ALCUNA RESPONSABILITÀ PER QUANTO RIGUARDA gli articoli scritti che sono presi da altri blog o siti SITI da i QUALI  DECLINO OGNI RESPONSABILITÀ PER GLI EVENTUALI ERRORI ED INESATTEZZE RIPORTATI NEL sito E PER GLI EVENTUALI DANNI DA ESSI DERIVANTI

04/05/2011 scritto da BAT-ENZO