Crea sito

              


Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono l'intervento del medico curante.
Nessuna responsabilità è assunta riguardo ai liberi commenti inseriti dai visitatori del sito.
I precedenti consigli, riconducibili a pratiche con scopi terapeutici, non assicurano alcun tipo di garanzia sul fatto che effettivamente queste terapie, sebbene riportate accuratamente, correttamente e senza contravvenire alla legge, possano sostituire l'intervento di un medico tradizionale.




CONDILOMI ACUMINATI

Cosa sono
I condilomi acuminati, chiamati anche verruche anogenitali o, popolarmente, ''creste di gallo'', sono particolari forme di verruche (vedi scheda Verruche) provocate da un virus e trasmesse per lo più, ma non solo, attraverso il rapporto sessuale. Sono molto più contagiose delle altre forme di verruche.

Come si manifestano
I condilomi acuminati compaiono generalmente dopo 2-3 mesi dal rapporto sessuale con una persona affetta dalla malattia, ma l'intervallo di tempo può essere anche maggiore. Possono comparire in ogni punto dell'area anogenitale, ma sono più frequenti sul pene o all'ingresso della vagina. Si presentano come piccole lesioni, morbide, punteggiate e fessurate, di colore rosato. Si sviluppano rapidamente formando una specie di piede da cui pendono e si raccolgono in gruppi che danno ad esse l'aspetto di un cavolfiore. In certi casi, tuttavia, è difficile accorgersi della loro presenza e sono così piccole da richiedere l'uso di una lente di ingrandimento. Si sviluppano in modo particolarmente rapido durante la gravidanza. Come altre forme di verruche possono anche scomparire spontaneamente. Normalmente non sono dolorosi ma possono provocare prurito anche intenso.


Quali sono i rischi
Il rischio comportato da un inefficace trattamento dei condilomi è la diffusione dell'infezione alle persone con cui si hanno rapporti sessuali. Sembra inoltre che possa esserci una relazione fra il virus responsabile dell'infezione e il tumore della cervice uterina (bocca dell'utero). Questo consiglia sempre di effettuare un trattamento precoce dei condilomi.

Cosa si deve fare

I trattamenti disponibili comprendono: l'uso di farmaci (a base di podofillina o imiquimod) da applicare localmente e attivi, con diversi meccanismi, sulle verruche; l'impiego della criochirurgia, cioè i condilomi vengono distrutti applicando sostanze molto fredde; l'elettrocauterizzazione, la laserterapia e la rimozione per via chirurgica.


Tutte queste forme di trattamento vanno consigliate e seguite dal medico. In particolare i prodotti contenenti podofillina non vanno usati dalle donne in gravidanza. Tutte le persone con cui si sono avuti rapporti sessuali vanno trattate; perciò è importante comunicare questo stato di malattia al proprio compagno.


Può essere necessario dover ripetere il trattamento diverse volte prima di riuscire ad estirpare l'infezione.


Non utilizzare di propria iniziativa i cosiddetti ''bruciaporri'' che contengono sostanze fortemente corrosive, soprattutto se applicate a zone delicate come gli organi genitali.


Come per altre forme di verruche è importante non toccare o grattare la verruca per evitare di diffonderla ad altre parti del corpo.


Astenersi dai rapporti sessuali fino a guarigione completa, che va stabilita dal medico, o utilizzare un profilattico evitando il contatto diretto degli organi sessuali durante tutto il rapporto.


A causa della relazione fra condilomi e tumore della cervice uterina è importante che ogni donna che sia stata ammalata di condilomi effettui un esame specifico (Pap test o striscio) che consente di rivelare un eventuale tumore nella sua fase iniziale e, pertanto, di poter intervenire con cure adatte.


Quando rivolgersi al medico

Il ricorso al medico in caso di sospetta presenza di condilomi acuminati è sempre necessario. Inoltre è bene consultare un medico:
quando la zona sottoposta a terapia diventa rossa, gonfia o dolorosa:
quando compare febbre superiore a 38° C.

 

Si consiglia sempre di parlarne al proprio medico curante .

torna a HOME PAGE        


QUESTO sito NON RAPPRESENTA UNA TESTATA GIORNALISTICA IN QUANTO VIENE AGGIORNATO SENZA NESSUNA PERIODICITÀ, PERTANTO, NON PUÒ CONSIDERARSI UN PRODOTTO EDITORIALE AI SENSI DELLA
LEGGE N. 62 DEL 7.03.2001.
L'AUTORE NON HA ALCUNA RESPONSABILITÀ PER QUANTO RIGUARDA gli articoli scritti che sono presi da altri blog o siti SITI da i QUALI  DECLINO OGNI RESPONSABILITÀ PER GLI EVENTUALI ERRORI ED INESATTEZZE RIPORTATI NEL sito E PER GLI EVENTUALI DANNI DA ESSI DERIVANTI

20/05/2011 scritto da BAT-ENZO