Crea sito

   


Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono l'intervento del medico curante.
Nessuna responsabilità è assunta riguardo ai liberi commenti inseriti dai visitatori del sito.
I precedenti consigli, riconducibili a pratiche con scopi terapeutici, non assicurano alcun tipo di garanzia sul fatto che effettivamente queste terapie, sebbene riportate accuratamente, correttamente e senza contravvenire alla legge, possano sostituire l'intervento di un medico tradizionale.




CONGELAMENTO

Il congelamento è una lesione locale che interessa una o più parti del corpo in seguito all'azione del freddo sulla pelle e i tessuti sottostanti. Tale evento si manifesta quando la temperatura del corpo scende a -3,9 gradi Celsius
(sotto i 25 gradi Fahrenheit)

Epidemiologia

Le parti più colpite sono il naso le orecchie, le dita e i piedi, questo perché sono le parti del corpo più esposte.
 Negli ultimi anni tale manifestazione si è molto diffusa, basti pensare ai senzatetto o chi compie spedizioni nelle montagne.

Sintomatologia

Fra i sintomi e i segni clinici ritroviamo:

Anossia
Edema
Formazione di vescicole
Formazione di tessuto necrotico

Una volta che avviene lo scongelamento sono altri i disturbi che la persona avverte o vengono segnalati tramite esami:

Cancrena
Ecchiminosi
Dolore

Diagnosi

A prima analisi bisogna distinguere nell'effettuare la diagnosi possibili traumi, sindrome da immersione e l'ischemia arteriosa periferica.

Tipologia

I metodi per suddividere il congelamento da un punto di vista clinico sono due:

Il primo è quello di verificare se vi sia perdita del tessuto o meno (superficiale o profondo a seconda dei casi), il secondo più utilizzato, è una differenziazione comparata alle ustioni, ovvero quando il danno è già avvenuto. Anche perché risulta molto difficile nei primi momenti comprendere di quale grado si tratti.

Possiamo distinguere il congelamento di I, di II, di III e di IV grado:

Il congelamento di I grado si manifesta con un iniziale intorpidimento e formicolio, soprattutto nelle estremità delle articolazioni. Si tratta di una reazione di autodifesa da parte dell'organismo, che limita la circolazione sanguigna determinando una vasocostrizione per evitare ogni dispersione del calore e limitare i danni; si può risolvere rimanendo in un luogo più caldo.
Il congelamento di II grado è caratterizzato dalla formazione di bolle o flittene e l'edema spesso raggiunge gli strati dell'epidermide o il derma.
Il congelamento di III grado si ha per lunga esposizione al gelo e in questo caso intervengono le cellule della risposta immunitaria e si instaura un processo infiammatorio e si giunge a necrosi.
Il congelamento di IV grado si verifica quando le zone congelate vanno in cancrena: intervengono i macrofagi a fagocitare le cellule morte e i fibroblasti a sintetizzare nuove componenti del tessuto come fibre collagene, GAG ecc...; nell'area necrotizzata si possono facilmente impiantare batteri anaerobi che a loro volta portano il tessuto in putrefazione. Se l'arto non viene amputato si ha il rischio di setticemia cioè infezione batterica a livello del sangue.
In seguito ad ulteriore esposizione al freddo, subentrano degli effetti generali sull'intero organismo, tale situazione viene denominata ipotermia sistemica o assideramento.

Terapia

Primo soccorso[modifica]Il primo soccorso nei casi di congelamento comporta in primo luogo la necessità, ove ciò sia possibile, di trasportare la vittima in un rifugio riparato e di sostituire gli indumenti bagnati con altri asciutti. Le parti congelate dovranno essere riscaldate con gradualità, evitando il contatto diretto con oggetti molto caldi; questo è estremamente importante perché un riscaldamento eccessivo causerebbe gravi ferite a causa dell'immediata espansione dei vasi. All'infortunato è opportuno somministrare bevande zuccherate calde, mentre dovranno assolutamente essere evitati gli alcolici.

Se il paziente presenta segni di ipotermia, questa va trattata con precedenza.
Per quanto riguarda la forma più profonda la temperatura dell'acqua deve essere di 40, 6 gradi Celsius.

Farmacologica

Per velocizzare il riscaldamento della persona si possono iniettare (somministrazione in endovena) degli oppiacei, in seguito vengono applicate delle opportune creme aloe (ogni 6 ore). In contemporanea per via orale si somministra l'ibuprofene. Altri studi invece hanno sperimentato l'utilizzo di vitamina C e Acido acetilsalicilico

Chirurgica

L'amputazione della parte congelata (soprattutto nel caso delle mani) deve occorrere soltanto quando la necrosi (la morte dei tessuti) è irreversibile. Bisogna attendere giorni, anche settimane prima di decidere in tal senso. Attualmente si stanno sperimentando nuove metodologie di impiego teraupetico per evitare il trattamento chirurgico.

Prognosi[modifica]La prognosi dipende dalla rapidità di intervento dei primi soccorsi base e dalla gravità del fenomeno.

Si consiglia sempre di parlarne al proprio medico curante .

torna a HOME PAGE        


QUESTO sito NON RAPPRESENTA UNA TESTATA GIORNALISTICA IN QUANTO VIENE AGGIORNATO SENZA NESSUNA PERIODICITÀ, PERTANTO, NON PUÒ CONSIDERARSI UN PRODOTTO EDITORIALE AI SENSI DELLA
LEGGE N. 62 DEL 7.03.2001.
L'AUTORE NON HA ALCUNA RESPONSABILITÀ PER QUANTO RIGUARDA gli articoli scritti che sono presi da altri blog o siti SITI da i QUALI  DECLINO OGNI RESPONSABILITÀ PER GLI EVENTUALI ERRORI ED INESATTEZZE RIPORTATI NEL sito E PER GLI EVENTUALI DANNI DA ESSI DERIVANTI

30/04/2011 scritto da BAT-ENZO