Crea sito

     


Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono l'intervento del medico curante.
Nessuna responsabilità è assunta riguardo ai liberi commenti inseriti dai visitatori del sito.
I precedenti consigli, riconducibili a pratiche con scopi terapeutici, non assicurano alcun tipo di garanzia sul fatto che effettivamente queste terapie, sebbene riportate accuratamente, correttamente e senza contravvenire alla legge, possano sostituire l'intervento di un medico tradizionale.




CUORE POLMONARE CRONICO

Si definisce cuore polmonare quella patologia che si manifesta con la dilatazione del ventricolo destro in risposta all’aumento del postcarico, cioè ad un incremento del lavoro cardiaco conseguente ad incremento delle resistenze di circolo polmonari, quindi conseguente a patologie del torace, dei polmoni e della circolazione polmonare. Così i pazienti affetti da broncopneumopatia cronica ostruttiva.

Il passaggio di sangue nel circolo polmonare serve per lo scambio dei gas, per il filtraggio delle particelle e al condizionamento chimico del sangue (per esempio alla trasformazione della angiotensiona I in II). Durante la inspirazione il polmone si espande e consente una miglior circolazione ematica. La gittata del Ventricolo destro è funzione del precarico, della contrattilità del cuore e delle resistenze (post-carico), ma il ventricolo destro non ha grande capacità di aumentare la pressione ed il post-carico è funzione della pressione arteriosa polmonare che si mantiene sempre bassa. Anzi la differenza tra la pressione in atrio sinistro e arteria polmonare è di 5 cm di H20, essendo 15 cm in arteria polmonare e 10 in atrio e questa esigua pressione consente una portata di 5 litri di sangue a riposo fino a 25 litri sotto sforzo per ogni minuto.




Sintomi
Vi è difficoltà respiratoria; a questa si aggiungono stanchezza, eventualmente angina, svenimenti. Alla lunga possono comparire colorito bluastro (cianosi) alle labbra, alle altre mucose e alla pelle, gonfiore (edema) alle estremità, aumento delle dimensioni del fegato.

Cause
È dovuto alla presenza di una malattia cronica a carico dei polmoni (BPCO tipo bronchite cronica o enfisema; ipertensione polmonare primitiva, embolie polmonari ricorrenti; malattie polmonari interstiziali; condizioni di ipoventilazione alveolare generalizzata, tra cui l'obesità grave ecc.). Il danno polmonare ostacola il passaggio del sangue e ciò provoca un aumento della pressione nelle arterie che dal cuore raggiungono i polmoni. Questa ipertensione polmonare danneggia soprattutto la funzione del ventricolo destro, con conseguente ipertrofia ventricolare destra che può condurre fino al quadro di scompenso cardiaco destro.

Terapia consigliata
È fondamentale curare la malattia polmonare responsabile e prevenire le infezioni respiratorie. È particolarmente utile l'ossigenoterapia, mentre l'insufficienza ventricolare destra va trattata con la terapia medica.

 

Si consiglia sempre di parlarne al proprio medico curante .

torna a HOME PAGE        


QUESTO sito NON RAPPRESENTA UNA TESTATA GIORNALISTICA IN QUANTO VIENE AGGIORNATO SENZA NESSUNA PERIODICITÀ, PERTANTO, NON PUÒ CONSIDERARSI UN PRODOTTO EDITORIALE AI SENSI DELLA LEGGE N. 62 DEL 7.03.2001.
L'AUTORE NON HA ALCUNA RESPONSABILITÀ PER QUANTO RIGUARDA gli articoli scritti che sono presi da altri blog o siti SITI da i QUALI  DECLINO OGNI RESPONSABILITÀ PER GLI EVENTUALI ERRORI ED INESATTEZZE RIPORTATI NEL sito E PER GLI EVENTUALI DANNI DA ESSI DERIVANTI

22/04/2011 scritto da BAT-ENZO