Crea sito

               SALUTE


Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono l'intervento del medico curante.
Nessuna responsabilità è assunta riguardo ai liberi commenti inseriti dai visitatori del sito.
I precedenti consigli, riconducibili a pratiche con scopi terapeutici, non assicurano alcun tipo di garanzia sul fatto che effettivamente queste terapie, sebbene riportate accuratamente, correttamente e senza contravvenire alla legge, possano sostituire l'intervento di un medico tradizionale.




  

Influenza


 

.

 

Che cos’è l’influenza?

L’influenza è una malattia infettiva molto comune che si diffonde tramite colpi di tosse e starnuti. Diversa dal semplice raffreddore, l’influenza è causata da un gruppo di virus e presenta sintomi molto più gravi che durano più a lungo. L’influenza si può contrarre durante tutto l’anno, ma è particolarmente comune in inverno, per questo è chiamata anche influenza stagionale.

Quali sono le cause dell’influenza?

Il virus dell’influenza è contenuto in milioni di goccioline che provengono dal naso e dalla bocca di qualcuno che, tossendo o starnutendo, diffonde nell'aria. Queste goccioline si diffondono di solito per circa un metro, stanno sospese in aria per un po' prima di cadere a terra, dove il virus può sopravvivere per più di 24 ore. Chiunque respiri queste goccioline o tocchi la superficie dove si sono depositate può contrarre l’influenza. Gli oggetti quotidiani a casa e nei luoghi pubblici possono facilmente contaminarsi con tracce di virus dell’influenza, incluso il cibo, le maniglie delle porte, i telecomandi, le ringhiere, le cornette telefoniche e le tastiere dei computer. Perciò è molto importante lavarsi le mani in maniera frequente per prevenire il contagio e la diffusione dell’influenza.

Quali sono i sintomi dell’influenza?

L’influenza si manifesta con diversi sintomi, tra i quali:

  • improvviso aumento della temperatura corporea
  • mal di testa
  • dolori diffusi
  • stanchezza
  • mal di gola

Si può anche avere inappetenza, sensazione di nausea e tosse. I sintomi dell’influenza possono recare così tanta spossatezza e malessere da obbligare a stare a letto e riposare fino a completa guarigione.

Quando è consigliabile far intervenire il medico in caso di influenza?

Se si gode di buona salute, non c’è generalmente bisogno di consultare un medico se si avvertono i sintomi dell’influenza. Il miglior rimedio è riposare, mantenersi al caldo e bere molta acqua per prevenire la disidratazione. Si può assumere il paracetamolo o l’ibuprofene per abbassare la temperatura corporea e alleviare i dolori. Si dovrebbe consultare il medico se:

  • si ha 65 anni o più
  • si è incinta
  • si è affetti da una malattia cronica come diabete, problemi cardiaci, malattie polmonari, patologie ai reni o neurologiche
  • si ha un sistema immunitario debole

In questi casi il medico potrebbe prescrivere degli antivirali e non degli antibiotici, che valgono solo per le infezioni batteriche.

Quanto tempo può durare l’influenza?

Se si ha un’influenza, si avvertono i sintomi entro pochi giorni dall’infezione. I sintomi raggiungono il picco dopo due o tre giorni e dovrebbero migliorare dopo una settimana. Si è generalmente contagiosi dal giorno prima della manifestazione dell'influenza fino a cinque sei giorni dopo. I bambini e le persone con un sistema immunitario debole, come i soggetti affetti da tumore, possono essere infetti più a lungo. Gli anziani e chiunque abbia una malattia a lungo termine sono più a rischio di sviluppare complicazioni, come un’infezione toracica.

Come si può prevenire la diffusione dell’influenza?

L’influenza si può diffondere facilmente, ma, osservando delle piccole accortezze, si può limitare il contagio. E' opportuno:

  • lavare regolarmente le mani con sapone e acqua
  • pulire regolarmente le superfici come tastiere, telefoni e maniglie delle porte per sbarazzarsi dei germi
  • usare un fazzoletto di carta per coprire la bocca e il naso quando si tossisce o si starnutisce
  • buttare il fazzoletto di carta il prima possibile

Per bloccare il contagio, si deve rimanere a casa, evitando di andare a lavoro ed entrare a contatti con gli altri.

 


Si consiglia sempre di parlarne al proprio medico curante .

torna a HOME PAGE        


QUESTO sito NON RAPPRESENTA UNA TESTATA GIORNALISTICA IN QUANTO VIENE AGGIORNATO SENZA NESSUNA PERIODICITÀ, PERTANTO, NON PUÒ CONSIDERARSI UN PRODOTTO EDITORIALE AI SENSI DELLA
LEGGE N. 62 DEL 7.03.2001.
L'AUTORE NON HA ALCUNA RESPONSABILITÀ PER QUANTO RIGUARDA gli articoli scritti che sono presi da altri blog o siti SITI da i QUALI  DECLINO OGNI RESPONSABILITÀ PER GLI EVENTUALI ERRORI ED INESATTEZZE RIPORTATI NEL sito E PER GLI EVENTUALI DANNI DA ESSI DERIVANTI

09/11/2013 scritto da BAT-ENZO