Crea sito

              


Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono l'intervento del medico curante.
Nessuna responsabilità è assunta riguardo ai liberi commenti inseriti dai visitatori del sito.
I precedenti consigli, riconducibili a pratiche con scopi terapeutici, non assicurano alcun tipo di garanzia sul fatto che effettivamente queste terapie, sebbene riportate accuratamente, correttamente e senza contravvenire alla legge, possano sostituire l'intervento di un medico tradizionale.




MASTITE

Sintomi
Il sintomo principale è il dolore locale, spesso accompagnato da febbre, arrossamento e infiammazione della mammella, che appare anche calda al tatto, e da una linfoadenopatia satellite. Si tratta di un ascesso se la zona appare edematosa o fluttuante.

Cause
Infiammazione delle ghiandole della mammella. Esistono diversi varianti cliniche della malattia: acuta, suppurativa (stafilococcica, soprattutto durante l'allattamento; streptococcica, durante l'allattamento o in corso di erisipela) o non infettiva, talora collegata con irregolarità del ciclo mestruale; cronica, tubercolare o luetica. È cosa ben diversa dai processi infiammatori che interessano sottostanti processi tumorali della mammella. Il quadro clinico che si riscontra più spesso si verifica durante il periodo di allattamento ed è causato da un'infezione batterica (in genere da Staphylococcus aureus) che si trasmette alla madre dal neonato e che può svilupparsi alle ghiandole attraverso un'ulcerazione o una ragade di un capezzolo. Il processo può estendersi verso l'interno o in superficie, e dare origine a fistole cutanee.

Terapia consigliata
Se il problema è solo una mastite, la terapia è locale: la mammella e il capezzolo dovrebbero essere trattati con una soluzione antimicrobica e quindi lavati con acqua sterile. Per prevenire la stasi è consigliabile proseguire l'allattamento con entrambe le mammelle, a meno di notevoli ragadi: il lattante, infatti, non si infetta (essendo il portatore dello stafilococco) e non viene danneggiato dalla eventuale terapia antibiotica con penicilline o cefalosporine. Le masse fluttuanti vanno eventualmente sottoposte ad agoaspirazione con successiva messa in coltura del pus così raccolto. In questo caso, cioè di fronte a un ascesso, si può ricorrere a incisione chirurgica e drenaggio. Qualora l'allattamento fosse impossibile, la stasi e l'ingorgo mammario vanno prevenuti con l'utilizzo di un tiralatte e l’allattamento va sospeso fino alla scomparsa dei sintomi.


 

Si consiglia sempre di parlarne al proprio medico curante .

torna a HOME PAGE        


QUESTO sito NON RAPPRESENTA UNA TESTATA GIORNALISTICA IN QUANTO VIENE AGGIORNATO SENZA NESSUNA PERIODICITÀ, PERTANTO, NON PUÒ CONSIDERARSI UN PRODOTTO EDITORIALE AI SENSI DELLA
LEGGE N. 62 DEL 7.03.2001.
L'AUTORE NON HA ALCUNA RESPONSABILITÀ PER QUANTO RIGUARDA gli articoli scritti che sono presi da altri blog o siti SITI da i QUALI  DECLINO OGNI RESPONSABILITÀ PER GLI EVENTUALI ERRORI ED INESATTEZZE RIPORTATI NEL sito E PER GLI EVENTUALI DANNI DA ESSI DERIVANTI

20/10/2013 scritto da BAT-ENZO