Crea sito



 


 


 


Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono
l'intervento del medico curante. Nessuna responsabilità è assunta riguardo ai liberi commenti inseriti dai visitatori del sito.


Bambini
Quest’ampia sezione del sito raccoglie tutte le informazioni disponibili sui bambini, in particolare relativamente alle malattie più o meno gravi che possono contrarre durante la crescita.
 

Malattie Generiche

 
Otite esterna nei bambini: sintomi, cause e cura

Introduzione
 
Orecchio esterno: 1 pericondrio, 2 condotto uditivo, 3 padiglione auricolare
Orecchio medio: 4 timpano, 5 finestra ovale, 6 martello, 7 incudine, 8 staffa
Orecchio interno: 9 canali semicircolari, 10 coclea, 11 nervo acustico, 12 tromba di Eustachio


L’otite esterna è un’infezione del condotto uditivo, l’apertura simile a un tubicino che porta le onde sonore dall’esterno dell’organismo verso il timpano.

Può essere interessato l’intero condotto (otite esterna diffusa) oppure l’infezione può essere localizzata e manifestarsi sotto forma di foruncolo.

Cause
Può essere causata da molti tipi diversi di batteri o di funghi: di solito l’infezione si verifica nei bambini che trascorrono molto tempo in acqua, l’eccessiva umidità nell’orecchio può irritare e lacerare la pelle che riveste il condotto, permettendo l’ingresso dei batteri o dei funghi. Nei climi temperati l’otite esterna si verifica con maggiore frequenza durante l’estate, quando si nuota di più.

Purtroppo, però, non è necessario nuotare per ammalarsi. Tutto ciò che provoca una lesione della pelle del condotto uditivo può causare un’infezione: se la pelle è secca o si ha un eczema, se ci si gratta l’interno dell’orecchio, se si pulisce l’orecchio in profondità con i cotton fioc o se si inseriscono corpi estranei come mollette per i capelli o graffette nell’orecchio, aumenta il rischio di sviluppare l’otite esterna.

Inoltre, se si ha un’infezione dell’orecchio medio, il pus che si accumula nell’orecchio medio può defluire nel condotto uditivo attraverso un foro nel timpano e provocare l’otite esterna.

Sintomi
Il sintomo principale dell’otite esterna è il mal d’orecchio, che può essere anche intenso e peggiorare quando si tira o si schiaccia il lobo dell’orecchio o qualsiasi altra parte dell’orecchio esterno. Una persona affetta da otite media può aver male addirittura quando mastica e a volte il condotto uditivo può prudere, prima di iniziare a far male.

Il gonfiore del condotto uditivo può dare la sensazione di avere le orecchie piene o diverse dal solito: l’orecchio esterno può presentare rossore o gonfiore, mentre i linfonodi vicini all’orecchio possono gonfiare ed essere più sensibili del normale. Si può anche verificare una qualche forma di perdita dal condotto uditivo: all’inizio può essere trasparente, ma poi può diventare opaca, giallastra e assomigliare al pus.

L’udito può essere temporaneamente compromesso, se il pus e i fluidi, oppure il gonfiore del condotto, impediscono il passaggio delle onde sonore nell’orecchio. La febbre non è un sintomo frequente nei casi tipici di otite esterna.

Trasmissione
L’otite esterna non è contagiosa.

Cura e terapia

La terapia per l’otite esterna dipende dalla gravità dell’infezione e dal dolore percepito dal bambino. Per i casi meno gravi il medico potrebbe prescrivere gocce che contengono antibiotici (per esempio Anauran®)per combattere l’infezione e degli steroidi per diminuire il gonfiore del condotto uditivo. Le gocce devono essere somministrate diverse volte al giorno, per un periodo variabile dai 7 ai 10 giorni.

Se il gonfiore del condotto uditivo rendesse difficile la somministrazione, il medico potrebbe inserire nel condotto uno stoppino di cotone, che aiuterà a far penetrare il farmaco nell’orecchio. In alcuni casi potrà rimuovere il pus e le sostanze di rifiuto dall’orecchio, con una pulizia o un’aspirazione delicata, in questo modo le gocce potranno funzionare meglio.

Per le infezioni più gravi potrebbero anche essere somministrati degli antibiotici per via orale oltre a procedere ad una coltura di un campione di fluido prelevato dall’orecchio, che contribuirà a identificare i batteri o i funghi responsabili dell’infezione. Per diminuire il dolore è possibile associare antidolorifici.

Una volta iniziata la terapia il bambino comincerà a sentirsi meglio entro un giorno o due. L’otite media di solito guarisce completamente in un periodo variabile tra i 7 e i 10 giorni dall’inizio della terapia.

Automedicazione
Per curare l’otite esterna è necessario l’intervento medico perchè se non si prende alcun provvedimento il mal d’orecchie può peggiorare e l’infezione si può diffondere. Per alleviare il dolore in attesa della visita medica è possibile mettere un asciugamano od un cuscino caldo contro l’orecchio, oppure diminuire il dolore anche con il paracetamolo (Tachipirina®) o l’ibuprofene (Nureflex®, Antalfebal®) dietro consiglio medico.

Dopo la visita seguite le istruzioni mediche per la somministrazione delle gocce o degli antibiotici per via orale, qualora siano stati prescritti. È importante che non bagnarsi le orecchie per l’intera durata della terapia, una cuffia per la doccia può proteggere durante la doccia od il bagno oppure, in alternativa, il medico potrebbe anche consigliare i tappi per le orecchie.

Prevenzione
L’otite esterna può essere prevenuta mettendo nell’orecchio lavato con acqua tiepida appositi farmaci da banco in gocce, soprattutto se il bambino è soggetto all’infezione. Queste gocce sono in vendita in farmacia e dovrebbero essere usate soltanto dietro indicazione del pediatra.

Dopo aver trascorso del tempo in acqua i bambini dovrebbero asciugarsi delicatamente le orecchie con un asciugamano e far fuoriuscire l’acqua piegando la testa di lato. Prima di usare i tappi per le orecchie, chiedete consiglio al medico.

Per evitare traumi all’orecchio i bambini non dovrebbero pulirsi le orecchie da soli e non dovrebbero mettersi alcun oggetto nell’orecchio, nemmeno i cotton fioc.

Quando chiamare il medico
Chiamate immediatamente il medico se il vostro bambino presenta uno dei sintomi seguenti:

mal d’orecchio (con o senza febbre),
diminuzione dell’udito in una o entrambe le orecchie,
fuoriuscita anomala di fluidi dall’orecchio

 

Si consiglia sempre di parlarne al proprio medico curante .

torna BAMBINI   torna a malattie

QUESTO sito NON RAPPRESENTA UNA TESTATA GIORNALISTICA IN QUANTO VIENE AGGIORNATO SENZA NESSUNA PERIODICITÀ, PERTANTO, NON PUÒ CONSIDERARSI UN PRODOTTO EDITORIALE AI SENSI
DELLA LEGGE N. 62 DEL 7.03.2001.
L'AUTORE NON HA ALCUNA RESPONSABILITÀ PER QUANTO RIGUARDA gli articoli scritti che sono presi da altri blog o siti SITI da i QUALI  DECLINO OGNI RESPONSABILITÀ PER GLI EVENTUALI ERRORI ED INESATTEZZE RIPORTATI NEL sito E PER GLI EVENTUALI DANNI DA ESSI DERIVANTI


24/03/2011 scritto da BAT-ENZO