Crea sito




COME SOPRAVVIVERE SENZA CORRENTE ELETTRICA

A CURA DI BATENZO (Pubblicato il 14/10/09 )


ACQUA

Ai fini della sopravvivenza, l'acqua è un elemento estremamente importante, considerando che il 60% circa del peso di un individuo è composto d'acqua.
Quanto più sale la temperatura esterna e cresce l'impegno fisico, tanto più il corpo ha bisogno d'acqua.
In mancanza di cibo, a condizione però di disporre di acqua a sufficienza, è possibile vivere e muoversi per tempi relativamente lunghi. La mancanza di acqua, al contrario, provoca una serie di disturbi di crescente entità:
Una perdita di acqua corrispondente al 5% del peso corporeo provoca nausea e sonnolenza.
Una perdita del 10% infligge al corpo umano un grave deterioramento delle condizioni psico-fisiche, con vertigini, difficoltà di parola e grande spossatezza.
Una perdita del 25% provoca sicura morte alle basse temperature, mentre per giungere alla morte in climi temperati se ne deve perdere il 20% ed in presenza di clima torrido è sufficiente perderne il 15%.
Assodato il principio che senz'acqua e impossibile vivere, si tenga presente che quando si hanno a disposizione piccole quantità d'acqua bisogna consumarle con grande parsimonia e mai in un'unica soluzione.
E' preferibile, infatti, berne poca e spesso, piuttosto che assumerne in quantità eccessiva ed unica, per consentire all'organismo migliori possibilità di assorbimento e per reintegrare quantità ottimali di liquidi.
Va evitato, inoltre, di bere acqua molto fredda, specie in climi torridi, o, almeno, è bene usare l'accuratezza di trattenerla in bocca per consentirne un leggero innalzamento della temperatura prima di deglutire.

Come conservare i liquidi

Per ridurre al minimo la perdita di liquidi, bisogna prendere le seguenti precauzioni: Evitate gli sforzi. Restate fermi e riposate. Non fumate. Restate al fresco, all'ombra. Se non c'è ombra, procuratevela costruendovi un riparo. Non stendetevi su una superficie troppo calda. Mangiate il meno possibile. Se non avete l'acqua, l'organismo utilizzerà i propri liquidi per la digestione, aggravando la disidratazione. I grassi sono i più difficili da digerire e richiedono molta acqua per la loro scomposizione. Non bevete mai alcolici. Anche l'alcol richiede molti liquidi degli organi vitali per la sua scomposizione. Non parlate troppo; respirate con il naso, non con la bocca



Come trovare l'acqua

Il primo posto è nei fondovalle, dove si raccoglie di norma l'acqua. Se non ci sono corsi o stagni visibili, provate a scavare dove la vegetazione è più verde. Può esserci acqua subito sotto la superficie, e potrà riempire la buca. Scavate anche nelle gole e nei letti asciutti dei torrenti; può darsi che scopriate una sorgente, soprattutto nei tratti ghiaiosi. In montagna cercate l'acqua negli anfratti delle rocce. Lungo le coste, scavate al di sopra del livello dell'alta marea, soprattutto dove ci sono dune di sabbia: ci sono buone probabilità di trovare uno strato di cinque centimetri d'acqua dolce che filtra e che galleggia sopra l'acqua salata, che è più pesante. Potrà essere salmastra, ma pur sempre bevibile. E, dove la costa è rocciosa, cercate i punti più coperti di vegetazione, anche di felci e muschio e, probabilmente, in una fessura della roccia troverete acqua raccolta oppure una sorgente.

ATTENZIONE
Diffidate di tutti gli stagni senza vegetazione o con ossa di animali intorno. Probabilmente l'acqua sarà inquinata da sostanze chimiche presenti nel terreno. Controllate la sponda alla ricerca di tracce di minerali alcalini. fate sempre bollire l'acqua stagnante. Non bevete mai né l'urina né l'acqua di mare. Mai! Però, se le distillate, potete ottenere acqua potabile, e l'acqua di mare, per di più, vi darà il sale.

Una sufficiente depurazione dell'acqua potrà essere ottenuta:
Con l'ebollizione per alcuni minuti.
Con pasticche potabilizzanti.
Con tintura di iodio (3-10 gocce per litro).
Con pochi grani per litro di permanganato di potassio.
Per filtrazione attraverso un panno pieno di sabbia.
Per decantazione quando l'acqua e torbida.


L'acqua piovana è, praticamente, distillata ed è quindi una fonte ottimale di approvvigionamento. E' quindi opportuno, ogni volta che se ne presenti l'occasione, cercare di raccoglierne il più possibile, con ogni mezzo. Se si dispone di recipienti impermeabili il compito è, ovviamente, facilitato, ma anche indumenti di cotone o di lana possono ben servire allo scopo se esposti alla pioggia e periodicamente strizzati in un recipiente. In caso di sopravvivenza su un battello di salvataggio si può bere la pioggia che si deposita sul fondo (precedentemente svuotato dell'acqua marina) oppure, con una spugna o con un indumento di cotone, si può raccogliere l'umidità che si deposita sui galleggianti durante la notte. Nei climi in cui di giorno fa molto caldo e di notte fa freddo, si può prevedere la formazione di una densa rugiada. Quando questa si condensa su superfici lisce, potete raccoglierla con una spugna o con del tessuto.
Altro sistema per accogliere la rugiada è legarsi della stoffa pulita attorno alle gambe e alle caviglie, camminare nella vegetazione bagnata, e poi strizzare o succhiare la stoffa umida.

Neve e ghiaccio si possono bere se si dispone di combustibile per scioglierli e, in questo caso, è sempre preferibile sciogliere del ghiaccio perché, a parità di combustibile, si ricava più acqua.
Gli strati inferiori di neve sono più granulosi di quelli superficiali e danno più acqua.

Il ghiaccio marino è salato - non serve per bere - finché non è invecchiato. Più giovani più salato. Il ghiaccio nuovo ha forme ruvide e colore bianco lattiginoso. Quello vecchio è azzurrognolo e ha spigoli arrotondati dalle intemperie. Dal ghiaccio azzurro si può tenere buona acqua, più oscuro il liscio meglio è. Attenti, però, al ghiaccio vecchio rimasto esposto alla spuma salina.

L'acqua dei fiumi è sicuramente potabile e di ottima qualità dove non sono visibili tracce di inquinamento. In prossimità delle sorgenti, ma anche nelle pianure solcate dai fiumi, è possibile trovare acqua potabile con scavi di piccola entità da effettuare, qualora si avessero dei dubbi sulla potabilità, all'esterno delle anse formate dal corso d'acqua. Anche dai torrenti e rigagnoli asciutti è possibile ottenere acqua, con piccoli scavi effettuati sempre all'esterno delle anse e nei punti più bassi. L'acqua va comunque (quando la prudenza lo consigli ed i mezzi a disposizione lo consentano) bollita a lungo prima di essere bevuta. In zone tropicali, dove è assai probabile che l'acqua di un fiume contenga germi e batteri di malattie molto pericolose come dissenteria, colera, tifo ed infezioni parassitarie, deve sempre essere bollita a lungo. Va infine considerato che lo scorrimento stesso dell'acqua, specie in corsi impetuosi, contribuisce, seppur in minima parte, al purificarsi di questo prezioso liquido.

Nei pressi della costa: in situazione di sopravvivenza è sempre utile e conveniente prendere esempio dal comportamento animale. L'elefante, ad esempio, indica un interessante metodo per ricavare acqua dalla sabbia, in vicinanza della riva. A circa un metro e mezzo dalla battigia, l'astuto mammifero scava una buca di poche decine di centimetri di profondità che, dopo alcuni minuti, è piena di acqua potabile, risultato della filtrazione compiuta dalla sabbia. Si tenga inoltre presente che l'acqua piovana defluisce verso il mare mescolandosi ad esso ed è quindi possibile, cercando una depressione ad un centinaio di metri dal bagnasciuga e scavandovi una buca, ottenere acqua potabile in abbondanza.

Laghi e stagni: il metodo migliore per purificare le acque dei laghi di dubbia potabilità, acque stagnanti e acque fangose, è quello di filtrarle più volte con la sabbia, contribuendo così anche ad eliminare il sapore salmastro delle acque di stagni adiacenti al mare. Anche in questo caso il massimo grado di sicurezza è ottenibile attraverso l'ebollizione.

Boschi: nei boschi, nei quali sono presenti vaste aree umide, è decisamente facile procurarsi, con l'ausilio di distillatori, acqua potabile. Dove sono presenti il salice ed il sambuco, inoltre, basterà effettuare piccoli scavi per ottenere l'acqua.

Distillatore: è cosa nota che l'evaporazione venga favoriva dal calore del sole. Questo principio può essere convenientemente sfruttato realizzando un "distillatore" . Si scava una buca con profondità e diametro di circa un metro sulla quale si stende un telo impermeabile. Disposto al centro della buca un recipiente (una lattina, un bicchiere, ecc.), si fissano i bordi del telo con delle pietre e gli si fa assumere una forma concava ponendo al centro un piccolo sasso in corrispondenza del contenitore. In questo modo l'aria imprigionata sotto il telo si satura rapidamente e gocce di vapore condensato si raccolgono sulla parte convessa del telo dal quale cadono poi nel recipiente. E' così possibile raccogliere circa un litro d'acqua ogni 24 ore. Volendo, si può agevolare la condensazione ricoprendo il fondo della buca con foglie e rami verdi o bagnandolo con acqua non potabile. Con questo metodo non è raro catturare anche rettili e piccoli animali che, attratti dall'acqua, si introducono nella buca, non riuscendo poi a risalirla. Il distillatore può essere utilizzato, sia pure con capacità produttiva dimezzata, anche di notte, poiché il terreno continua ad avere una temperatura relativamente elevava, mentre il telo si raffredda rapidamente.

Acqua dalle piante: le piante sono formate, per buona parte, di acqua, ed il loro succo, purché non presenti un aspetto lattiginoso o schiumoso, è generalmente potabile. Alcune piante, come la vite, possono fornire acqua intaccandole nella parte alta ed effettuando una seconda incisione vicino al terreno: poco dopo l'acqua comincerà a gocciolare. Quando non si abbia il tempo o il modo di purificare acqua di dubbia potabilità si può agevolmente ricorrere alle piante acquifere, che consentono di ricavare discrete quantità di liquido. L'acqua può inoltre essere sostituita da frutti ricchi di succo come l'uva, le pesche, le arance, ecc..

Nelle zone tropicali le possibilità di ricavare acqua dalle piante sono estremamente più elevate e per i viticci si potrà fare uso degli avessi procedimenti sopra esposti, facendo sempre attenzione che il succo non sia lattiginoso.
Le canne di bambù contengono spesso acqua: se agitandole si provoca uno sciacquio sarà sufficiente intaccare lo stelo all'altezza dì ogni nodo per raccogliere il liquido. Nelle zone desertiche sono le piante grasse in generale, ed i cactus in particolare, ad offrire discrete quantità d'acqua. In qualunque clima, infine, è bene tenere conto del comportamento degli uccelli e delle tracce degli animali che, frequentemente, conducono all'acqua. E’ importante nella scorta che si farà che ci siano filtri per l’acqua, pastiglie per la lunga conservazione , più taniche di acqua che si riesce a immagazzinare

Esistono razioni di acqua usati dai militari in commercio , e dei kit per depurare almeno 7.000 litri d’acqua.
Acqua per bere , minimo , per una persona al giorno è un litro = 1anno 365 litri — totale per 8 persone 2.920 litri
Acqua per cucinare ( pasta , the , brodo ecc.. ) almeno 5 lt. al giorno = 1 anno 1.825 litri per 8 persone
Acqua per lavarsi a persona , minimo , un litro = 1 anno 365 litri —— totale per 8 persone 2.920 litri
Scorta iniziale d'acqua sarebbe di litri 7.665 ( 2929 + 1825 + 2920 ) almeno 8.000 litri
Naturalmente per lavare il pavimento si può recuperare l'acqua della pasta .

Per scorta usare taniche di plastica di 30 litri.
Avere un kit per depurare l'acqua ( costo circa di 240 euro ) può depurare 7000 litri .
Avere pastiglie di depurazione ( costo una confezione di 100 pastiglie MICROPUR 13,90 per disinfettare 100 litri );
Lavarsi con una spugna per non sprecare acqua .

PROBLEMI :
ENERGIA e CALORE
CIBO
ACQUA
IGIENE
PRONTO SOCCORSO E MEDICINALI
ATTREZZATURA E MATERIALI
ZAINO PERSONALE
ABBIGLIAMENTO PERSONALE
SCORTE CIBO.



TORNA AD HOME PAGE

 

QUESTO sito NON RAPPRESENTA UNA TESTATA GIORNALISTICA IN QUANTO VIENE AGGIORNATO SENZA NESSUNA PERIODICITÀ, PERTANTO,
 NON PUÒ CONSIDERARSI UN PRODOTTO EDITORIALE AI SENSI DELLA LEGGE N. 62 DEL 7.03.2001.
Questo sito non è stato creato a scopo di lucro o politico.

02/05/2011 scritto da BATENZO